Opere

“Un tocco molle sfiora il mio viso.

come l’aria che accarezza il tuo:

sei tu il mio unico pittore

e tua soltanto è la mia vita”

                                                                                                                   (Anonimo)

Bagnanti

Bagnanti2 – Olio su tela – 1...

Bagnanti

Bagnanti  – Olio su tela – ...

Piramidi

Piramidi – Olio su tela – 60...

Quando la realtà diventa

poesia dipinta.

Simone Fappanni

Bio

LA PITTRICE

Maria Teresa Viaroli vive e opera a Gropparello in provincia di Piacenza.
Nasce a Busseto (Pr), studia all’Istituto d’arte “Paolo Toschi” di Parma e quindi si diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze. In quegli anni frequenta gli studi di Nerina Simi e Pietro Annigoni specializzandosi in ritrattistica. Nel 1980 riceve il Primo Premio Città di Empoli e nel 1981 il Primo Premio Rassegna Toscana d’Arte Contemporanea. Ha eseguito diverse committenze private: ritratti a olio su tela, carboncino, trompe-l’oeil e pitture murali sia in esterno che in interno.
MOSTRE

1982 – Galleria del Sole – Firenze Collettiva  
1983 – Personale Galleria Baratta – Busseto
1985 – Personale Loggetta dei Notari – Castell’Arquato
1993 – Casa del Popolo – Rivergaro Collettiva
1994 – Centro Introspezione – Piacenza Collettiva
2000 – Mostra Web Pulcheria Arte – Piacenza
2000 – Galleria Amici dell’Arte – Piacenza Collettiva
2001 – Pulcheria Arte – Piacenza Collettiva Internazionale
2002 – Personale Galleria Blanchaert – Milano
2003 – Art beyond border Palazzo Anguissola – Travo
2003 – S.Maria Della Pace – Piacenza Collettiva
2005 – 1a classificata al Premio Internazionale Warp Web Art Prize
2004 – Art beyond border Rocca S.Vitale – Fontanellato
2005 – 1° Premio Grafica al Concorso “TROFEO CREMONA”
2005 – World Fine Gallery – New York Collettiva
2006 – Personale Galleria Arte Immagine – Cremona
2009-2010 – Collettiva Telethon – c/o BNL Carpaneto  

ESPOSIZIONE PERMANENETE: B.K. Yengar institute – Poona (India)

“Ah, che compagnie infelici

cavalieri di specchi, minestre di radici

dormo nella follia
e tutto il teatro con me”

Ivano Fossati

Parole | Emozioni

Raccontate in articoli

recensioni e altro



Il cubismo psicologico di Maria Teresa Viaroli

CREMONA – Una sorta di “cubismo psicologico”, come sono definite dalla stessa autrice le proprie linee grafiche, ora tendenti ad una astrazione picassiana, o all’espressionismo (“Urlo”), ora sinuosamente pastose, come nelle figure morbidamente ritratte da Amedeo Modigliani, costituisce una delle chiavi di lettura della personale di Maria Teresa Viaroli, aperta ancora oggi (16.30-19.30, ingresso libero) alla Galleria “Immagini Spazio Arte” di Cremona (via Beltrami 32/b). Opere dedicate all’universo femminile e realizzate in varie tecniche (oli su canvas o su cardboard, e i suoi celebri “carboncini”) dall’artista bussetana, che vive ed opera a Gropparello, nel piacentino, e che dopo essersi diplomata all’Accademia di Belle Arti di Firenze ha frequentato gli studi di Simi e Annigoni, specializzandosi in ritrattistica. Nel 1980 ha ricevuto il Primo Premio Città di Empoli e nel 1981 il Primo Premio Rassegna Toscana d’Arte Contemporanea. Tra i riconoscimenti recenti, il primo posto al “Warp World Web Art Prize 2005″, con esposizione nell’agosto dello stesso anno alla “World Fine Art Gallery” di New York, e nel settembre 2005, la vittoria per la Sezione Grafica al “Premio Cremona”. Sue opere sono esposte in permanenza al “B.K. Yengar institute” di Poona (India).
Da “La Cronaca di Cremona” – Pagina dello Spettacolo & Arte – 8 Aprile 2006

Un mondo di sguardi tra segni sinuosi e tinte delicate
Arte Oggi, nella galleria di via Beltrami “Immagini Spazio Arte”, accoglie in questi giorni e fino all’8 aprile, l’unica nuova mostra cremonese di questa settimana: le figure, prevalentemente femminili di Maria Teresa Viaroli, pittrice piacentina che accoglie un intero mondo di sguardi e di colloqui nei suoi dipinti dalle tinte delicate e dai segni sinuosi. Fortemente debitrice sia della fase prima dell’astrazione picassiana (deciso è l’apporto derivato da opere quali “Les demoiselles d’Avignon”) sia dal primo Duchampes (non lontana dalle ardite prospettive di “Nu descendent l’escalier”), l’autrice ne evince la linea sensuale e ciclica, l’utilizzo del segno ricurvo per decrittare il reale, disegnare la figura e connetterla allo sfondo. Più figure si intersecano e le intersezioni sono rese evidenti dalla linea nera che le delimita e ne sottolinea ugualmente la ideale continuità, fino a creare una sorta di mosaico figurato in cui la modularità delle forme pare, appunto, sottolineare la sussistenza di un colloquio ideale. Le coloriture delicate si sovrappongono senza creare distacchi cromatici e sottolineano l’amalgama delle tinte calde prevalenti, appena sceverate da passaggi d’azzurro. Talvolta appare tra le forme curvilinee la volontà di dosare una maggiore forza d’impatto visivo, sebbene la violenza voluta di certe immagini, che paiono ricor dare la stagione futurista o certo Guttuso, non sembrino del tutto appartenere alla natura stessa di questa pittura. Tra le opere esposte, desidero sottolineare, per la buona pasta pittorica e il composto ma saldo impianto, alcuni ritratti ben eseguiti e ricchi di personalità che il colore pieno ben supporta.
Da “La Cronaca di Cremona” – Pagina dello Spettacolo & Arte – 1 Aprile 2006

Maria Teresa Viaroli a Spazio Arte
Alla galleria “Immagini Spazio Arte” di Cremona e in corso una mostra (sino all’8 aprile) della pittrice Maria Teresa Viaroli, che presenta ritratti e figure femminili con una cifra stilistica sorretta da un disegno sicuro ed efficace. Viaroli si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove ha frequentato gli studi di Nerina Simi e di Pietro Annigoni, dai quali ha appreso qualificati insegnamenti per la ritrattistica. L’artista piacentina rivela nelle sue opere una spiccata capacità introspettiva e un’abilità nel coniugare segno e colore. Le figure femminili sono caratterizzate, come ammette la stessa pittrice, da una specie di “cubismo psicologico” e da aspetti simbolici. Accompagna la mostra uno scritto di Simone Fappanni
Da “Più” – articolo di E.Ma – 1 Aprile 2006

Viaggio nell'arte della Viaroli tra dipinti e carboncini

Si ripartisce in tre momenti distinti, pur correlati fra loro, la personale di Maria Teresa Viaroli, allestita nelle sale della Galleria “Immagini, Spazio, Arte” in via Beltrami a Cremona. L’artista originaria di Busseto nel parmense, ma da tempo attiva a Gropparello nel piacentino, ha messo in mostra dipinti e carboncini che consentono di avvicinarsi ad una artista poliedrica dallo stile inconfondibilmente vicino a quello cubista. Nella prima parte della rassegna è possibile apprezzare il mondo femminile descritto con tratti essenziali dall’artista emiliana; si tratta di figure di donne che si compenetrano, rese tutt’uno dalla circolarità con la quale la pittrice descrive volti e corpi. I colori sono a volte tenui, quasi rarefatti, in altri momenti invece forti e provocanti: servono all’artista per descrivere stati d’animo e sensazioni che, più del segno, solo le tinte riescono a dare. A questi quadri sono inframmezzati i “carboncini” dove spicca l’essenzialità del segno, adottato in questo caso sulla circolarità dell’esistenza. Significativi sono poi i ritratti realizzati in questi anni da Maria Teresa Viaroli; l’hanno resa celebre non solo nella sua terra natìa, ma anche nel resto del Paese. Si tratta di dipinti che non si limitano a descrivere il volto delle persone ritratte, ma che cercano di entrare nell’animo umano scoprendone le sue prerogative più intime; proprio per questo l’artista emiliana pone grande attenzione alla comunicazione degli occhi, autentici specchi dell’interiore. Alla vernice della personale, presentata dal critico d’arte bresciano Luigi Guarneri, è intervenuto anche l’ex senatore cremonese, Angelo Rescaglio. La mostra resterà aperta al pubblico fino a sabato 8 aprile; nei giorni feriali si potrà visitarla dalle 16.30 alle 19.30, il sabato e la domenica anche al mattino dalle 10.30 alle 12.30
Da “La Cronaca di Cremona” – Pagina dello Spettacolo & Arte – Mostre & Artisti – 28 Marzo 2006

Arte: Maria Teresa Viaroli
La passione di Maria Teresa Viaroli per l’arte nasce dall’infanzia e la esprime attraverso il disegno e la pittura. Studia all’istituto d’Arte Paolo Toschi di Parma e quindi all’Accademia di Belle Arti di Firenze. In quegli anni frequenta gli studi di Nervina Simi e Pietro Annigoni, specializzandosi in ritrattistica. Nel 1980 riceve il premio “Città di Empoli” e nel 1981 il primo premio alla “Rassegna Toscana d’Arte Contemporanea”. Da 20 anni vive e lavora a Gropparello.
Nella sua carriera ha eseguito diverse committenze private, tra cui ritratti a olio su tela, carboncino,trompe l’oeil, pitture murali interne ed esterne, vetrate artistiche, sculture e ceramica. L’universo pittorico di Maria Teresa Viaroli, di impostazione Annigoniana, si costruisce e si realizza attorno alla figura umana, in particolar modo quella femminile, che caratterizza inconfondibilmente la sua pittura. La donna, presa sia come soggetto singolo che come elemento di un più ampio contesto compositivo, esprime sempre una fortissima connotazione simbolica e psicologica che affonda le sue radici nelle reminiscenze della società arcaica fondata sul matriarcato. Nei suoi ritratti vi è una profonda ricerca psicologica ed emotiva. Maria Teresa Viaroli espone dal 980 in diverse città italiane. Esposizione permanente in India, B.K. Yengar Istitute (Poona)
Percorsi & Itinerari – Girovagando…PIACENZA e le sue valli tra storia, profumi, sapori e natura – 2005

Maria Teresa Viaroli s'impone al Wwarp

Si è svolta ieri alle ore 11, presso la Sala della Stampa del quotidiano “La Cronaca”, la cerimonia di premiazione della seconda edizione del Concorso WWarp, World Web Art Prize, organizzato dall’Associazione Italart in collaborazione con la Galleria “Immagini, Spazio, Arte”. Dopo il saluto ai presenti da parte dell’organizzazione è stato illustrato lo svolgimento, davvero sui generis, del Premio, che si è proposto di far conoscere gli artisti partecipanti anche oltre i confini nazionali, attraverso una serie di immagini delle loro opere ordinata nelle pagine del sito internet www.arteimmagini.it. Una vera e propria “mostra virtuale” che per diversi mesi è stata liberamente accessibile da tutti i “navigatori” di spazi web. Altra particolarità del Concorso è stata la modalità di giudizio, affidata ai visitatori della mostra virtuale mediante un’apposita “scheda elettronica”, e non a una Commissione di “addetti ai lavori”, come solitamente accade. Oltre a numerosi Premi e riconoscimenti di natura artistica, ai partecipanti è stata data la possibilità di essere inseriti nella seconda edizione del fortunato volume “L’arte e il web – Verso nuove forme d’espressione della creatività”. Il testo, che sarà pubblicato a breve dell’Immaginaria Editrice nella Collana Saggi d’Arte, visto il successo della prima tiratura, presenta una riflessione sulle possibilità e sui limiti offerti agli artisti dalla Grande Rete. Il testo si sofferma, in particolare, sulla distinzione fra “net.art” ed “art on the net”, chiaramente spiegata da Deseriis e Marano in un recente studio (“Net-art”, Shake, Milano 2003). Con il primo termine, “net.art” spiegano i due studiosi, si vuole mettere il luce “il carattere interattivo, processuale e collaborativo di questa pratica. Una pratica che mira a sostituire le opere con le operazioni e le rappresentazioni con la produzione di nuovi circuiti comunicativi e di senso. La net.art come “arte di fare network”, dunque, e non solo come arte veicolata e diffusa attraverso Internet”. Il secondo termine, “Art on the net”, definisce invece “la Rete come strumento accessorio, come mezzo di illustrazione e di distribuzione di opere preesistenti e prodotte altrove”. La graduatoria, stilata in base al computo dei voti pervenuti all’organizzazione tramite posta elettronica vede classificata al primo posto la piacentina Maria Teresa Viaroli. Nelle sue opere si osserva l’uso, assai disinvolto, del colore, che sembra accentuare ulteriormente questa componente intimista della ricognizione ideativa insitanei lavori della nostra artista, la quale si riflette anche in certi passaggi luministici e chiaroscurali che, se da un lato si rifanno alla migliore scuola ritrattistica italiana, in particolare quella che, dopo essersi rivolta a ragioni avanguardiste che hanno condotto parecchi autori a orientarsi ora verso una vera e propria “trasmutazione” del soggetto ora a una resa “oggettuale” dello stesso, ha ripreso un solco in cui il segno preciso e una succosa materia pittorica sono di nuovo al “centro” del dipinto. Al secondo, terzo e quarto posto si sono classificate: Grazia Toniolo Augier, Tina Saletnich ed Ersilietta Ga brielli, che avranno come Premio la possibilità di esporre assieme presso la Galleria Immagini. Collettiva “a quattro”, per le classificate fra il quinto e l’ottavo posto: Anna Semeraro, Enna Capitelli, Laura Jannon e Maria Rosa Maccorin. Un contratto di permanenza per un anno è invece andato ai classificati tra il nono e l’undicesimo posto: Rina Politi, Franco Farina e Gemma Franzin. Una Coppa d’onore è andata anche a coloro che si sono posizionati fra il dodicesimo e il diciottesimo posto, vale a dire: Natale Pietro Nardio, Beatrice Pai lazzetti, Liliana Antonini, Antonella Giapponesi Terenghi, Angiola Falconi, Ester Balletto Secci e Venere Chillemi. Coppa anche a coloro che hanno conseguito meno di mille preferenze: Flavia Vizzari, Mario Villaggi, Umberto Basso, Elena Calabretto, Giuseppe Covella, Maria Francesca Grisella, Lorella Mandis, Tatiana E. Pouzanova Galatch e Ciro Olivieiro Miraglia.
Da “La Cronaca di Cremona” – Pagina dello Spettacolo & Arte – articolo di Simone Fappanni – 23 Maggio 2005

Piacentina la vincitrice del World Web Art
Maria Teresa Viaroli di Gropparello ha vinto la seconda edizione del concorso Wwarp, World Web Art Prize, premio d’arte organizzato dall’Associazione Italart in collaborazione con la galleria Immagini di Cremona. All’ombra del Torrazzo, nella sala della Stampa di Cronaca, la pittrice comprensibilmente emozionata, ha ricevuto il Trofeo e, assieme, un altro ambitissimo premio: la possibilità di tenere una mostra personale nel 2006 alla Galleria Immagini. Prima di passare alla presentazione della vincitrice, ci sembra opportuno parlare dell’originale “formula” con cui è stato concepita e si è svolta questa iniziativa culturale, che si è proposta per fare conoscere i partecipanti che oltre i confini nazionali, attraverso una serie di immagini delle loro opere ordinata nelle pagine del sito internet. Una vera e propria “mostra virtuale” che per diversi mesi è stata liberamente accessibile da tutti gli internauti. Altra particolarità del concorso è la modalità di giudizio, affidata non a una giuria di “addetti ai lavori”, come solitamente accade, ma ai visitatori della mostra virtuale mediante un’apposita “scheda elettronica”. Dopo la Viaroli, al secondo, terzo e quarto posto si sono classificate rispettivamente: Grazia Toniolo Augier, Tina Saletnich ed Ersilietta Gabrielli, che avranno come Premio la possibilità di esporre assieme presso la Galleria Immagini. Collettiva “a quattro” per le classificate fra il quinto e l’ottavo posto: Enna Capitelli, Laura Jannon e Maria Rosa Macorin. Un contratto di permanenza per un anno è invece andato ai classificati tra il nono e l’undicesimo posto: Rina Politi, Franco Farina e Gemma Franzin. Una Coppa d’onore è andata anche a coloro che si sono posizionati fra il dodicesimo e il diciottesimo posto, vale a dire: Natale Pietro Nardio, Beatrice Palazzotti, Liliana Antonimi, Atonella Giapponesi Terenghi, Angiola Falconi, Ester Balletto Secci e Venere Chillemi. Coppa anche a coloro che hanno conseguito meno di mille preferenze: Flavia Vizzari, Mario Villaggi, Umberto Basso, Elena Calabretto, Giuseppe Novella, Maria Francesca Grisolia, Lorella Mandis, Tatiana E.Pouzanova Galatch e Ciro Oliviero Maragli . Veniamo ora a occuparci, sa pure brevemente, della vincitrice. L’artista, come si legge dal suo sito internet da poco messo in rete (www.mariateresaviaroli.it), orginaria di Busseto, ha studiato al Toschi di Parma e si è diplomata a Firenze all’Accademia di Belle Arti. Negli anni della sua formazione ha potuto frequentare gli atelier di maestri del calibro di Nerina Simi e Pietro Annigoni. Nel 1980 le è stato conferito il Primo Premio città di Empoli, e l’anno successivo il Primo Premio Rassegna Toscana d’Arte Contemporanea. Sin da una rapida ricognizione dei suoi lavori si capisce che essa si è specializzata nel ritratto e proprio presentando due lavori di questo genere.
Da “La Cronaca di Piacenza” – Pagina della Cultura e Arte – Articolo di Simone Fappanni – 3 Giugno 2005

Nel sentiero di Artemisia. L'arte e la creatività delle donne
Nata a Busseto (Parma), Maria Teresa Viaroli vive a Gropparello, in provincia di Piacenza. Ha studiato all’istituto d’arte “Paolo Toschi” di Parma e quindi all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove si è diplomata nel 1997. In quegli anni ha frequentato gli studi di Marina Sini e Pietro Annigoni specializzandosi in ritrattistica. Nel 1980 riceve il Primo Premio Città di Empoli e nel 1981 il primo premio alla Rassgna Toscana d’arte contemporanea. Insegnante, ha eseguito diverse committenze private; ritratti a olio su tela, carboncino, trompe-l’oeil e pitture murali sia in esterno che in interno. Ha partecipato a diversi, importanti eventi espositivi, fra cui Pulcheria Arte (Piacenza), Art Beyond border (Travo e Fontanellato). Espone in permanenza al B.K. Yengar di Poona (India). Ha vinto la seconda edizione del WWarp (2005).
“Abilissima nei ritratti (ma non solo), eseguiti con grande arguzia e perfetta sintassi cromatica, Maria Teresa Viaroli propone lavori intenso ed emozionanti in grado di coinvolgere piacevolmente anche l’osservatore meno abituato a frequentare gli infiniti e coinvolgenti labirinti dell’arte”
Da “Nel Sentiero di Artemisia. L’arte e la creatività delle donne.” a cura di Simone Fappanni

Il cubismo emotivo di Maria Teresa Viaroli
Seni armoniosi, curve accentuate, sinuosi corpi femminili dolcemente adagiati l’uno sull’altro creando un naturale bilanciamento compositivo che ruota attorno ad un cerchio; questi sono gli aspetti connotativi dell’arte figurativa di Maria Teresa Viaroli. Il nostro sguardo accattivato da innumerevoli provocazioni erotiche e sensuali intimamente entra in sintonia con le tematiche figurative dell’artista. Le emozioni si fanno materia… nasce il Cubismo Emotivo, il tutto ruota attorno ad una circonferenza, forma precisa ma variabile portatrice di infinite tensioni. Queste tensioni, questo disagio esistenziale, affiorano nei dipinti degli anni novanta dove la donna, il suo essere, la sua dimensione spazio temporale vengono soffocate, private del ruolo naturale. Tale profondo disagio è evidenziato dall’artista con colori accesi e rapporti cromatici fortemente marcati tali da evocare scelte pittoriche fauviste. Colori violenti, forme provocatorie, forti linee di contorno si trasfigurano in denuncia come l’emblematica crocifissione femminile rovescia “Prego…Servitevi Ancora” crocifisso non è solo il corpo, non è solo l’anima, ma anche l’urlo soffocato da dogmi arcani, condannato al silenzio da quella figura logora e maciata dallo sfondo. Ma dalla morte, dalle ceneri, come l’araba fenice l’emozione rinasce a nuovo slancio vitale. La donna è creatura generatrice di vita e con l’artista rinascono dagli studi preparatori a carboncino forme inedite, linee plastiche quasi scultoree. Figure angeliche, paradisiache sottese in un tempo etereo si equilibrano tra loro. Volti femminili, coronati da fluenti chiome blu simulano le onde del mare, seguono l’andamento dei corpi sinuosi vivono, in uno spazio azzurro-onirico ravvivato da effimere stelle argentate.
Recensione del Dott. Gianluigi Guarneri, docente di storia dell’arte

Quando la realtà diventa poesia dipinta.
I ritratti e le figure di Maria Teresa Viaroli
“Un tocco molle sfiora il mio viso
come l’aria che accarezza il tuo: sei tu il mio unico pittore
e tua soltanto è la mia vita” (Anonimo)

Una complessa e affascinante introspezione mimetica caratterizza le opere di Maria Teresa Viaroli; una ricerca, sempre in fieri, attraverso la quale l’artista piacentina sostanzia figure caratterizzate da un grande fascino.
Percorrendo con coraggio e passione autentica i sentieri infiniti della sperimentazione figurativa, la pittrice realizza ritratti in cui si avverte una forte componente meta-rappresentativa. Maria Teresa non ama, infatti, descrivere semplicemente un volto o darne un’idea di carattere meramente illustrativo; preferisce invece affidarsi a un profondo scavo psicologico, quasi cercando di cogliere non solo i tratti somatici del soggetto, ma anche quello “spirito vitale”, come si diceva un tempo, che è poi l’elemento essenziale, verrebbe da dire fondante, della buona riuscita di un ritratto.
Stupisce piacevolmente anche l’uso, assai disinvolto, del colore, che sembra accentuare ulteriormente questa componente intimista della ricognizione ideativa insita nei lavori della nostra artista, la quale si riflette anche in certi passaggi luministici e chiaroscurali che, se da un lato si rifanno alla migliore scuola ritrattistica italiana, in particolare quella che, dopo essersi rivolta a ragioni avanguardiste che hanno condotto parecchi autori a orientarsi ora verso una vera e propria “trasmutazione” del soggetto ora a una resa “oggettuale” dello stesso, ha ripreso un solco in cui il segno preciso e una succosa materia pittorica sono di nuovo al “centro” del dipinto.
Ed è ciò che sembra fare Maria Teresa Viaroli con il suo tocco morbido e le sue tinte vellutate e squillanti. Questa eclettica creativa, che pare dipingere sulla scorta di sensazioni musicali, propone fraseggi e partiture ritmiche – usiamo di proposito questa terminologia mutuandola da quella del mondo delle note – nelle quali i particolari del viso vengono resi con intelligente resa plastica, ma anche secondo assonanze coloristiche in grado di esaltare l’incarnato anche laddove esso assume insolite sfumature.
C’è poi il tentativo, peraltro riuscito, di porre il soggetto rappresentato in una postura che pare voler suggerire un colloquio immaginario con l’osservatore, quasi che egli potesse, in qualche modo, cogliere lo stato d’animo, l’attimo, che la pittrice ha voluto fissare per sempre sulla tela: si tratta pertanto di un registro non facile da condurre, che la Viaroli affronta con lodevole determinazione pervenendo a esiti di sicuro interesse.
Lo stesso colloquio si può osservare, a nostro avviso, anche nelle opere dove le figure sono più di una, come in quelle intitolate rispettivamente Disprezzo e solitudine e Riposo delle Amazzoni. In questi casi specifici, come in altri lavori, alla serenità che permea i ritratti si oppone una certa inquietudine, talvolta non senza venature dichiaratamente paniche. Nel primo lavoro, in particolare, le tante figure femminili che paiono legate indissolubilmente da un misterioso vincolo, creano una dimensione di estraneità, palesata dallo sguardo assente della figura centrale, che turba la sensualità offerta dalla morbidezza dei corpi femminili nudi. Nel secondo, invece, i corpi delle mitologiche guerriere paiono appoggiarsi dolcemente l’una accanto all’altra quasi a formare un delicato panneggio. Ma i loro occhi teneramente socchiusi, il fondo lasciato neutro, l’immagine del cavallo che sovrasta una di esse suggeriscono silenzi di sapore squisitamente dechirichiano.
Corre anche l’obbligo di evidenziare il fatto che, se in questi quadri la componente erotico-seduttiva svolge un ruolo di sottile automascheramento delle angosce che paiono provare i personaggi, in altri lavori tale elemento diventa cruda immagine di violenze indicibili e soprusi, come la terribile crocifissione al femminile dal titolo davvero emblematico: Prego… servitevi ancora, un olocausto che s’imprime dolorosamente nella memoria, mentre in altre l’eros serve per veicolare una Maternità dove il corpo diventa poesia generativa in atto.
Recensione del Dott. Simone Fappanni, critico d’arte

“Difficile non è nuotare contro la corrente

ma salire nel cielo e non trovarci niente.”

Contatti

FATTO ! Message sent.
Error! Completa tutti i campi

Privacy Policy

USO DEI COOKIES

mariateresaviaroli.it o il “Sito” utilizza i cookies per rendere i propri servizi semplici e efficienti per gli utenti che visionano le pagine di mariateresaviaroli.it.Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’utente.Disabilitando i cookie alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e alcune pagine non le visualizzerai correttamente.Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da mariateresaviaroli.it per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da mariateresaviaroli.it in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie è strettamente necessaria al corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie: persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessioni: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito. Il sito userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.Nel nostro Sito non utilizziamo cookie di profilazione.mariateresaviaroli.it, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da mariateresaviaroli.it e che che quindi non risponde di questi siti.

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browse

Chrome
  • Eseguire il Browser Chrome
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Impostazioni
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  • Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Firefox Mozilla
  • Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Opzioni
  • Seleziona il pannello Privacy
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  • Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  • Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer
  • Eseguire il Browser Internet Explorer
  • Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  • Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6
  • Eseguire il Browser Safari
  • Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  • Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  • Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobili)
  • Eseguire il Browser Safari iOS
  • Tocca su Impostazioni e poi Safari
  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
  • Eseguire il Browser Opera
  • Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  • Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.